crediti foto

2013

repertoire

LA GRAMMATICA DELLE NUVOLE

Be what you would seems to be.

(L. Carroll)

(...) Un teatro di danza fra i più profondi nel panorama torinese, in cui i tre personaggi si fanno evocazioni, parti inconsce di storie a metà fra reale e onirico.(...) 

(Giovanni Bertuccio, Whip Art)

 

(...) Questa Alice è dotata di una forza narrativa unica, data dalla tenerezza e da un pathos assoluto ma controllato. La coreografia accompagna il pubblico in un intimismo dal sapore agrodolce e suscita un sentimento di fiduciosa e commossa gentilezza nei confronti della narrazione fantastica. L’autunno in questa Alice si trasforma in una seconda primavera lasciando lo spettatore avvolto dai tenui colori e dalla bellezza del finale dove un silenzio carico di emozioni accompagna gli affetti ritrovati. Cinquanta minuti di pura poesia.(...) 

(Michele Olivieri, Danzaeffebi)

 

(...) È governato da una “grammatica delle nuvole” il linguaggio coreografico di Zerogrammi, un lessico leggero di smorfie e sospiri, attese e rincorse, ammiccamenti e filastrocche. Anche in Alice, come in molti dei precedenti lavori, ritroviamo tutti gli ingredienti che hanno reso la compagnia una delle realtà più interessanti della nostra danza contemporanea: la cura nella partitura coreutica, la potenza evocativa delle immagini, il raffinato uso dello spazio scenico, l’attenzione allo sviluppo drammaturgico.(...) 

(Maddalena Giovannelli | Stratagemmi)

 

(...) Come un’epifania giungono vivi odori, sapori e luci di giorni lontani, addormentati nel ricordo e risvegliati nel presente, quando l’emozione li ricongiunge a noi in tutta freschezza. È malinconica euforia ad infondere quel nostalgico tepore del tempo che passa e di foglie che cadono, rosse nelle nervature, grandi e palmate, ricoprendo un «giardino d’autunno» perso nell’altrove. In questo spazio vigono delle regole stabilite da La grammatica delle nuvole di Zerogrammi. (...)

(Lucia Medri, Teatroecritica)

(...) La rappresentazione è un composto fluido di segni gestuali, sonori e visivi che si ricreano in un modo comunicativo unico, mai didascalico, sempre suggestivo ed evocativo. La complessa combinazioni di elementi drammaturgici differenti si consegna al pubblico in modo incredibilmente diretto ed efficace. La grammatica delle nuvole è un linguaggio privo di regole sintattiche ma chiaro e leggibile in ogni suo gesto; non lascia tracce ma riempie luoghi. È la punteggiatura di una pagina bianca, un racconto scritto senza inchiostro.

(Alice Giuliani, Nucleo Art-Zine)

 

(...) La meraviglia è visiva, è nei loro corpi, è negli inciampi, è nella danza aerea dei lampadari accesi e ondeggianti, è nella felice regressione allo stato dell'illogico. (...)

(Salvatore Insana, KLP)

La grammatica delle nuvole (The grammar of the clouds) is the system of rules governing the ability to dream. We may trust him when it will seem that there are no more unknown places to visit, no more woodlands to explore or seas to sail, hoping to stumble across mysterious islands. We can get lost into its pages whether we will have the feeling of no longer corresponding to ourselves and that a sense of monotony is making fun of our differences. Then we can name us "Alice”, as guardians of a country called Wonderland, mild and overflowing of curious questions, free-falling toward a mysterious unknown that promises adventures. Alice. La grammatica delle nuvole tells a fall backwards. It is a wonderland that awaits us all, suspended in the sunrise of an everlasting and sweet autumn. There, bizarre characters live that tell us about a carousel of evocations and memories of a distant time shared with Alice, which is on the stage only the echo of a hidden voice. It is therefore the sweetness of remembrance that reigns in this nostalgic autumn garden where it is always possible to have a tea, where it is permissible to be large or small as needed. Where, if only we wanted to give them a name and call them, mild endless wonders may unfold in front of our eyes, hidden among the smallest and most slight things.

progetto, regia e coreografia

project, direction and choreography

Stefano Mazzotta

con

with

Chiara Guglielmi, Chiara Michelini, Stefano Roveda

drammaturgia

dramaturgy

Fabio Chiriatti

voce off

voice off

Maria Cristina Valentini

costumi, scenografie e luci

costumes, sets and lights

Stefano Mazzotta

produzione

production

Zerogrammi

in collaborazione con

in collaboration with

Teatro di Bismantova (It), CASA LUFT (It)

con il sostegno di

with the support of

Regione Piemonte, Mibac