ph. A. Amici

 

2017

Amina Amici/Zerogrammi

GUARDASENTI

Come musico la mia danza,

come danzo la mia musica.

How I dance my music,

how I music my dance.

Tre quadri di ascolto, tre “stanze” di tre diversi compositori contemporanei. Immergersi nell’ascolto di un dato brano musicale per trarne ispirazione compositiva. Osservare le differenze e le connessioni ritmiche, timbriche e formali. Cercare di comprendere ciò che hanno da dirsi, dal punto di vista formale e dell’economia dei segni, la scrittura musicale e la composizione coreografica. Cosa evoca. Tentare di trovare o di immaginare una zona franca, dove musica e coreografia si distanzino da astrattismo formale per abbracciare una descrittività più diretta ed emotiva.

Three listening paintings, three "rooms" of three different contemporary composers. Immerse yourself in listening to a piece of music to draw inspiration from it. Observe the differences and the rhythmic, tonal and formal connections. Try to understand how music writing and choreographic composition are connected. Find or imagine a free zone, where music and choreography distance themselves from formal abstraction and "emotional" commentary.

 
 

di e con/by and with

Amina Amici

musiche di/music by

- Bruno de Franceschi, Piano preparato 14 – eseguito da Bruno de Franceschi

- Steve Reich, Pieces of wood – eseguito da Tetraktis Percussioni

- Hans Abrahamsen, Let me tell you – eseguito da Barbara Hannigan

produzione esecutiva/executive production

Zerogrammi

con il sostegno di/with the support of

Workspace Ricerca X edizione 2018