top of page

Elegìa attraverso la lettura del critico e drammaturgo Enrico Pastore



ELEGIA DELLE COSE TROVATE E DELLE COSE PERDUTE

Sotto le piante d’ulivo di S’Ortu Mannu, in un campagna che sa di mirto e di elicriso e s’odono di lontano le campanelle degli armenti al pascolo, prende vita lo spettacolo Elegia delle cose perdute di Compagnia Zerogrammi per la coreografia di Stefano Mazzotta. L’opera, ispirata dal romanzo I poveri di Raul Brandão e dalla stessa terra di Sardegna dove è nato e si è in gran parte sviluppato, accoglie in sé tutto ciò di cui si è parlato finora: la memoria, le radici, il senso di perdita, l’abbandono, la morte. Un uomo con un piccolo lampione legato allo zaino si avvicina. Intorno a lui il buio tenuto a malapena a distanza dalla lucina che porta appresso. ... LEGGI L'ARTICOLO INTEGRALE SU IL PICKWICK





13 visualizzazioni0 commenti

Comentarios


© zerogrammi
bottom of page