2013-2014

Danza e Territorio

WE MOVE

un progetto di/a project by

Zerogrammi

ideazione/ideation

Stefano Mazzotta, Rosanna Todisco

laboratorio formativo a cura di/training program

Stefano Mazzotta

viceo

Emanuele Sciannamea, Monica Affatato

coordinamento e promozione/executive production

Rosanna Todisco

con/with

Camilla Agnese, Agnese  Barcaroli, Cecilia Basso, Lavinia Buffa, Matteo Capra, Silvia Caviasso, Federico Cortese, Arturo De Faveri, Matteo Fantozzi, Arianna Fogliati, Lorenzo Fornasieri, Federica Lieggi, Alessia Lonegro, Martina Morabito, Bikram Parisot, Federico Piccolo, Valentina Rosseli, Carolina Rossetti, Jacopo Topino, Joshua Vanegas Ojeda Gehinik, Clarissa Astone, Monica Batilde, Beatrice Luisa Borsa, Noemi Canova, Ilaria Cerquoni, Lorenzo Filipello, Cecilia Fracchia, Lorella Gassino, Matteo Logozzo, Benedetta Marino, Benedetta Minniti, Alessandro Minori, Mihaela Monica Olariu, Francesca Pisino, Giulia Rainoldi, Maria Russo Tommaso, Beatrice Serasso, Eleonora Spataro, Ranjana Vartuli, Sabrina Villata, Nina Tea Zibetti, Simona Altepeter, Cristina Amato, Gabriele Astolfi, Edoardo Babbini, Lucrezia Bannò, Asia Bertoli, Stella Birolo, Enrica Calvaruso, Rebecca Carlucci, Chaira Casubolo, Marta Cazzato, Marghetrita Colombo, Erica Destino, Ilaria Farruggia, Nassim Gadacha Asfour,  Niccolò Gallino,  Irene Gondino, Vlada Iorfino Scaletchi, Ilaria Leombruni, Lorenzo Mazzone, Marta Petruzzelli, Mara Pettigiani, Martina Pignatore, Silvia Plescia, Pricoco Alessio, Claudia Sanguineti, Diana Elena Stoica, Carola Turinetti,  Francesca Vergnano, Irina Boykova Yankulova, Carlo Morilla, Lorenzo Prever, Tommaso Da Rin Vidal

in collaborazione con/in collaboration with

Liceo Classico Statale "V. Gioberti", Dams - Università degli Studi di Torino, Radio Flash, CASA LUFT

con il sostegno di/with the support of

Circoscrizione 1 Centro Crocetta - Comune di Torino

grazie a/thanks to

Liceo Classico "Gioberti" (Sebastiana Bonaffini, Laura Formetta, Angela Massimelli, Paola Sabatini)

 

A Cloe, grande città, le persone che passano per le vie non si conoscono. Al vedersi immaginano mille cose l’uno dell’altro, gli incontri che potrebbero avvenire tra loro, le conversazioni, le sorprese, le carezze, i morsi. Ma nessuno saluta nessuno, gli sguardi s’incrociano per un secondo e poi si sfuggono, cercano altri sguardi, non si fermano. (da Le città invisibili  di I. Calvino)