ELEGIA PROVE TUSCANIA PH S MAZZOTTA lq (

RACCON
TARE
STORIE

un manifesto

Danziamo il quotidiano: i dettagli minimi, invisibili, imperfetti, dietro cui si nascondono gli aspetti più profondi del nostro essere umani. Danziamo la fragilità: un sussulto, una contraddizione, un’incertezza, un’attesa. In un tempo che è un adesso nostalgico, proteso al futuro, e si muove nel singolo con l’obbligo di parlare in nome di tutti. In un luogo che è nel qui, che investe, attraversa e incrina il corpo tutto per abbracciare il mondo. In una forma che è gesto offerto, povero e periferico, capace di rinominare le cose. 

 

(S. Mazzotta)

Gli spettacoli della compagnia Zerogrammi, per la coreografia di Stefano Mazzotta, trasportano sempre in un mondo poetico, attraversando un passato di cose perdute, di sentimenti antichi ma perennemente nuovi. Dove ricordi, nostalgie, sogni, illusioni, si materializzano nei corpi dolenti o gioiosi di personaggi che sembrano emergere da album recuperati da vecchi bauli, e riaffiorare nel presente. Per dirci chi eravamo, chi siamo oggi, cosa abbiamo smarrito, e cosa possiamo ancora essere. (Giuseppe Distefano | Cittanuova)

Cosa c’è di più donchisciottesco di fare danza, oggi, in Italia? Sognatori, impavidi, determinati come il cavaliere della Mancia, gli Zerogrammi sono riusciti a vincere contro i mulini a vento: in pochi anni la loro compagnia, nata nelle aule della Paolo Grassi, è diventata una realtà competitiva nel panorama della danza contemporanea europea. (Maddalena Giovannelli | Stratagemmi)

ELEGIA PROVE TUSCANIA PH S MAZZOTTA lq (12 di 53).jpg
ELEGIA PROVE TUSCANIA PH S MAZZOTTA lq (2 di 53).jpg

PICCOLA
BIO

Zerogrammi è un organismo di produzione della danza fondato nel 2001, diretto dal coreografo Stefano Mazzotta e sostenuto da Regione Piemonte, TAP Torino Arti performative e MIC Ministero della cultura. L’articolato viaggio di scoperta che conduce alla creazione (oltre 30 produzioni realizzate ad oggi in collaborazione con teatri e festival in Italia, Russia, Portogallo, Olanda, Spagna, Germania) giunge al lavoro compositivo passando attraverso un’ampia zona di ricerca drammaturgica e coreografica, percorsi di residenza costruiti intorno a specifici interessi antropologici e geografici, progetti educativi e sociali, pratica di linguaggi quali la fotografia, il video, le arti plastiche, la letteratura, per restituire al lavoro creativo nuovi segni, nuovi significati e un bagaglio esperienziale che è lo strumento essenziale con cui torniamo alla costruzione del nostro lavoro artistico, rinnovandone il senso e l’urgenza. (...) Ecco allora nascere creazioni che accolgono suggestioni e ispirazioni dai mondi più diversi. Letteratura e filosofia, tradizione e quotidianità per spettacoli originali e taglienti, ironici e intensi, lavori contraddistinti da un’accurata operazione di sottrazione (Premio Hystrio 2013). 

Oggi l’attività creativa di Zerogrammi vede all’opera una famiglia di 3 autori stabili, 7 giovani autori associati, 2 drammaturghi, 1 creative producer, 1 direttore tecnico e light designer, 1 assistente di produzione, 1 responsabile della comunicazione, 1 amministratore e 15 interpreti.

© zerogrammi